Borghi

Cascia

La Santa delle rose

Piccolo borgo dell’Appennino reso celebre da Santa Rita, patrona dei miracoli impossibili

L’origine del centro abitato di Cascia è antichissima, dovuta alla presenza nel territorio di popolazioni italiche che praticavano la pastorizia transumante.

A cavallo tra il XIV e il XV secolo Cascia fa da sfondo alla vita e all’opera di Santa Rita, al secolo Margherita Lotto, santa taumaturga universalmente nota, la cui celebrità ha trasformato la città e il vicino villaggio natio di Roccaporena in mete di continui pellegrinaggi.

In ogni caso la città e il territorio sono da visitare, non solo per motivi religiosi, ma anche per trovare un ambiente sano, dove si può passeggiare all’aria aperta, godere di uno straordinario paesaggio di media montagna e sperimentare una cultura millenaria testimoniata dagli antichi monumenti, dalle tradizioni e dalla gastronomia.

  • Collegiata di S. Maria
  • Chiesa di S Francesco
  • Santuario di S. Rita
  • Monastero di S.Rita*
  • Chiesa di S.Antonio **
  • Palazzo Santi **

* La visita all’interno è possibile a determinati orari che variano a seconda del giorno (festivo o feriale) e delle stagioni.

** La visita a questi due monumenti che formano insieme un unico museo è a pagamento e presentano all’interno opere pittoriche e lignee di straordinario interesse.

*  Ingresso a pagamento

Informazioni per la visita

Per i gruppi che arrivano con l’autobus l’incontro con la guida avviene nel parcheggio dei bus ai piedi della cittadina.